CURIOSITÀ

I lieto fine esistono e non solo nelle favole

I bambini e le buone maniereSembra ieri quando in una domenica di febbraio mi stringevo forte la sciarpa passeggiando per le strade di una Roma semideserta all’alba. Sembra ieri quell’ultima batosta: ancora negativo. Non diventerò mai mamma, mi dicevo.

Non avevo ancora avuto il coraggio di raccontarlo a Giacomo e dopo tutte le trafile che avevamo fatto, non sapevo proprio come l’avrebbe presa. Ci stavamo deteriorando poco a poco. Invece che renderci più forte, ci distruggeva e ogni volta dovevamo ripartire dalle ceneri di un’ennesima delusione. È orribile quando ti spiattellano in faccia che il tuo sogno più grande non si potrà realizzare. Non c’è nessuno da incolpare, nessun capo espiatorio su cui sbattere i pugni e nessuna spalla su cui piangere.

O meglio, ci sono sempre stati vicini tutti quanti, ma è quasi irritante dire che no, neanche questa volta sarai genitore. Il mio nemico ha un nome ma non un volto. Non è la compagna di banco antipatica del liceo, l’autista distratto che vi ha fatto quasi prendere una multa ieri, nè quell’amica nuova spuntata nei social della vostra ultima fiamma a cui si può dare la colpa dello sfacelo della vostra vita sentimentale. Il nostro nemico si chiama infertilità e scava solchi più profondi di un terremoto. È un girotondo di commiserazione, speranza, illusione e l’ennesima brutta notizia.

Sembra ieri quando i primi raggi di sole abbracciavano i Fori Romani e io continuavo a digitare e cancellare il numero di mio marito e dargli la brutta notizia.

In Italia è difficile trovare una scorciatoia veloce e non troppo costosa per accedere alla fecondazione assistita e noi non volevamo diventare pendolari allo sbaraglio all’estero. È stato solo grazie ad un’amica che siamo entrati in contatto con un database di donatori completo e ben dettagliato. Nel catalogo di IVI abbiamo potuto scegliere il donatore con le caratteristiche somatiche e caratteriali più simili a Giacomo. O la va o la spacca, ci dicevamo.

Nove mesi dopo la punturina è nata Gioia, la nostra vita e la nostra conquista più grande. Nonostante le tante occasioni per mollare, ci siamo sempre rialzati e, alla fine, siamo stati ripagati con il regalo più grande. Ogni mattina vedere i suoi occhietti stropicciarsi ripaga tutte le sofferenze di questi anni passati a fare tentativi su tentativi. Ogni fallimento della fecondazione assistita è riscattato dai piccoli sorrisi che Gioia ci regala e dallo sguardo pieno di stupore per tutto ciò che la circonda.

Siamo sempre stati di quelli convinti che le cose succedono per una ragione… Ma la verità è che rassegnarsi a diventare genitori è un fardello troppo grande da portare e non c’è Karma o destino che regga: è semplicemente ingiusto. Così quando un pomeriggio siamo stati contattati per riprovare un’ultima volta ci siamo lasciati guidare dalla nostra fata madrina telefonica e il miracolo della gravidanza è davvero accaduto.

A tutte e tutti voi che avete scoperto di non poter diventare genitori nel più semplice e naturale dei modi io dico “continuate a sperare”. Nei momenti più difficili stringete i denti per quella piccola, forse remota, possibilità di vedere il vostro angioletto tra le braccia.

Commenti

Cargando Cargando comentarios ...
tornare al blog
Pubblicità

Portare i bambini

Francesco nel marsupio

Anna, mamma blogger di Crescebene, consiglia alle altre mamme com portare i bambini. Lei ha optato per un marsupio ergonomico!

Continua a leggere

Preparando assieme la merenda

Dalla cucina di Anna, un resoconto di com’è andata la merenda e la ricetta.

Continua a leggere

I bambini e gli acquisti on line… rimedi per i piccoli spendaccioni!

Spendono in rete

Alcuni suggerimenti per evitare che i bambini spendano tutti i vostri soldi al pc! Ecco una lista di rimedi per mettere un freno a questi piccoli spendaccioni!

Continua a leggere

Lo sport come valore di vita

Bambini-calcio

Siamo abituati a vedere episodi scorretti nel mondo del calcio, ma questo allenatore, con la sua lettera e il suo spirto ci ricorda l’essenza dello sport.

Continua a leggere

Il cordone ombelicale è prezioso!

Il cordone ombelicale di solito viene gettato insieme alla placenta dopo la nascita del bambino. Esso contiene milioni di cellule staminali ematopoietiche e pluripotenti, di alta qualità ed incontaminate da fattori ambientali, che possono essere raccolte facilmente ed in un modo totalmente indolore, sia per la madre che per il bambino, con una tecnica assolutamente […]

Continua a leggere